salute e sicurezza

09_11_17-accordo_dvr.pdf
Documento Adobe Acrobat 296.2 KB
09_11_17-nota_dvr.pdf
Documento Adobe Acrobat 45.6 KB

Salute e Sicurezza. Cremaschi (Fiom): “Il Governo attenta alla salute dei lavoratori”

 

Giorgio Cremaschi, segretario nazionale della Fiom-Cgil e responsabile dell’ufficio Salute e sicurezza, ha rilasciato oggi la seguente dichiarazione.


Gravissima è la notizia apparsa sul “Il Sole 24 Ore”, secondo cui nel decreto “milleproroghe” il Governo si appresterebbe a rinviare l’applicazione di norme decisive per l’attuazione del Testo Unico sulla salute e la sicurezza del lavoro.

Durante il rinvio ci sarebbe così il tempo per il Governo di accogliere gli inaccettabili emendamenti presentati da Confindustria e dalle Associazioni delle Imprese che, se accolti, renderebbero carta straccia la legge sulla salute nei luoghi di lavoro.

Questa decisione del Governo è un attentato alla salute e alla vita dei lavoratori, dopo che abbiamo ancora una volta registrata la continuità della strage nei posti di lavoro. Ancora una volta viene dimostrato che la gravità dello stato della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro non è frutto della fatalità, ma di precise e gravi e colpevoli inadempienze, in questo caso del governo. Con questo rinvio, che accompagna il degrado delle condizioni di lavoro dovuto alla crisi, c’è davvero il rischio di una nuova drammatica ondata di infortuni.

L’opinione pubblica democratica intervenga per fermare il Governo e la Confindustria, mentre per i lavoratori sarà indispensabile la mobilitazione per la difesa della loro salute e della loro vita.

 

Roma, 17 dicembre 2008

Formazione Rls

In linea con l'impegno della Fiom a costruire un autonomo percorso formativo
per gli tutti gli Rls,e di cui abbiamo data informazione nelle decine di
attivi, che abbiamo tenuto in questi mesi,
sul tema della sicurezza e della conoscenza del d.l.81,
in questi giorni è stato conclusivamente definita la progettazione del
corso di formazione.
La Segreteria nazionale condividendo il progetto ha deliberato la
predisposizione di tutte le azioni necessarie affinché nel 2009
si possa realizzare il più alto numero di moduli
formativi nei territori.

Il corso formativo si svilupperà su 15 ore ( 3 giorni) e utilizzerà
sia un supporto cartaceo che una settantina di " lucidi " con l'obiettivo
di realizzare forti competenze degli Rls
nelle analisi e confronti necessari sui documenti di valutazione
dei rischi e sull'azione per contrastare l'insorgere di patologie
di natura professionali.

Il corso è stato realizzato con il fattivo contributo dei compagni
Ludovico Ferrone della Cgil nazionale, Doriano Ravarino della Fiom di Torino,
Gino Rubini della Cgil dell'Emilia e di Francesco Tuccino, ergonomo e nostro collaboratore.

E' importante che tutte le strutture territoriali inizino a
calendarizzare per il 2009 le date dei corsi inviandocene comunicazione per
l'opportuna partecipazione dei formatori,sapendo che gli stessi corsi non
dovranno prevedere più di 20 partecipanti e non meno di 15 e
devono interessare principalmente gli Rls di nuova esperienza. E' importante che nello stesso
tempo ci vengano segnalati i nominativi di Rls, Rsu, funzionari, che per l'esperienza accumulata
sul tema della sicurezza e della tutela della salute si possano utilizzare come formatori.

Per mettere a punto il corso abbiamo individuato due moduli "prototipi" da realizzare
tra novembre e gennaio a carattere interregionale. I corsi si terranno a Bologna e a Napoli,
in date che successivamente vi comunicheremo e a cui devono partecipare Rls di ciascuna regione
secondo l'elenco allegato. E' opportuno che a questi due corsi partecipino Rls già con esperienza,
sia perchè solo così si potranno "tarare" al meglio le caratteristiche del corso, ma anche perché
gli stessi Rls potranno diventare formatori dei corsi successivi.

Vi invieremo ulteriori informazioni sulle caratteristiche del corso e sulle materiali azioni
da predisporre, comprese quelle di natura finanziarie, nelle prossime
settimane.

 

Il Responsabile di settore                           il Segretario nazionale Fiom
        Maurizio Marcelli                                          Giorgio Cremaschi

 

Roma, 17 ottobre 2008